margherita barbini


 




2010


Alcune opere di Margherita Barbini, essenziali ed armoniche, rispecchiano la dolcezza ondeggiante e le forme morbide del ritmo lagunare, altre si ispirano alla rigorosità di una simmetria più geometrica e modulare. Tutte, però, esprimono in maniera innovativa l’amore che l’artista nutre per la secolare tradizione vetraria veneziana e sono conseguenza delle considerevoli esperienze tecniche e professionali che caratterizzano il suo percorso creativo.

L’artista favorisce scelte cromatiche tenui e senza i contrasti forti dove prevalgono i toni diversi di un unico colore, che invitano l’osservatore ad avvicinarsi e scoprire l’opera da vicino. Solo in questa sfera ravvicinata ed intima, si può apprezzare la leggerezza degli elementi decorativi che modificano le superficie attraverso piccoli interventi incisi o dipinti, tramutando ogni opera in un dialogo quasi sussurrato che evoca l’inimitabile trasparenza di momenti giocosi che addolciscono l’esistenza.

Nella lenta trasformazione di linee sinuose e nell’innegabile fragilità del vetro, l’artista invita l’osservatore a contemplare l’effimero; opere come Metamorphosis e Farfalla si dilatano, esplodono ispirate dal momento apice dello crescita, catturando, anche per un solo momento, la perfezione esistenziale della natura. La scultura Dancing perdura più a lungo, come il valore dell’eleganza che si sviluppa e cresce, permanendo nella memoria per sempre. Ma è l’opera, Flexilis, ingegnosa scultura costruttiva, che ispira l’osservatore ad interagire, stabilendo con la stessa un’intesa dinamica ed irrepetibile.

L. Falcone


Margherita Barbini appartiene ad una famiglia di tradizione vetraria, figlia di Nicolò, maestro incisore e pronipote del noto maestro vetraio Giuseppe Barovier, che da generazioni opera con passione e tenacia nella produzione artistica di Murano. Le sue opere, quindi, rispecchiano le sue radici, dove la ricerca della bellezza è vissuta come un’eredità genetica ed è diventata l’obiettivo di un ampio percorso professionale ed artistico. Per esprimere pienamente la sua creatività, Margherita Barbini, sceglie il vetro - veicolo del fuoco e della fragilità – come portavoce del suo messaggio.


www.margheritabarbini.it

 


Arkè - Galleria d'Arte Moderna e Contemporanea - San Marco 3211 - Venezia 30124 - tel-fax 0415224372 - cell 347.7158548 - email: [email protected] - facebook

Privacy Policy - Cookie Policyweb: Luca De Luigi